Il “non problema” dei Casinò.

Varal 23 08 2010
Attraverso gli articoli della Padania sono venuto a conoscenza della proposta di legalizzare i casinò in tutte le regioni della penisola. Partendo dal presupposto su cui si basa il nostro movimento di “sovranità del cittadino” questa proposta manca di una importante opzione, quella di essere (come tutte le proposte presentate da un qualsiasi politico del governo centrale) ratificata o modificata o annullata attraverso un referendum di iniziativa popolare (di natura locale, comunitaria, regionale o confederale a secondo del tema) su modello della Confederazione Svizzera, che ha dimostrato in 800 anni di funzionare. Questo è lo spartiacque tra il finto federalismo portato avanti dal PdL/Lega/Fini (ma che non si distoglie molto dalla bufala presentata anni or sono dalla sinistra e su cui continua a cadere) e la vera “Autonomia” delle Comunità-Nazione, che nonostante le barbarie perpetrate dai vai centralismi negli ultimi 100 anni hanno reso l’Europa un continente moderatamente libero. Come sempre si butta in acqua esche di buona fattura, ma di poco valore, ogni qualvolta si avvicina una elezione, e la, italiana, linea della Lega Nord non fa eccezioni, al contrario di quello che dovrebbe essere richiesto come primo punto, proprio dal partito che per anni si è fatto baluardo delle libertà dei popoli, il diritto decisionale dei cittadini, su tutto quello che riguarda la politica locale, le leggi e il vivere civile delle Comunità. Se questo fosse già in pratica non si porrebbe problemi ne per casinò, ne per casini ne per moschee o altro. Il problema, quello vero, sarebbe di chi vive grazie alla politica, che da potente si ritroverebbe, come giustamente costituzione repubblicana dichiara, dipendente diretto dei cittadini. La libertà dei popoli, grandi o piccoli che siano, viene decisa dai popoli stessi, e non “donata” dai politici locali e non. Con questo vi saluto, Valsesia Libar e ‘ndipendent,  Alegru!
• Marco Giabardo
sottoscritto da:
• Francesco Sargentini
• Direttivo M.A.V.

Lascia un commento