L’uomo del “dove andremo a finire” di Moreno Corelli

L’italiano chi è?

È colui che ha votato lega nord se questa sembra avere i grandi poteri del momento. Ma l’Italiano è anche colui che ha votato PDL perché è fatto da imprenditori, e bisogna “lasciarli lavorare”. Ma no dai! L’Italiano è quello che vota sinistra perché si sa che a sinistra stanno dalla parte del popolo, è il partito dei “poveri operai” per antonomasia.
Tutti gli italiani sono di sinistra quando la sinistra la si vede 5 volte in più in televisione, ma sono anche tutti di centro, ma il centro esiste ancora? Si buttano tutti a destra se nella destra c’è quello che appare più credibile nelle parole, se sa cantarla meglio di altri.
Ma se tira brutta aria? Allora l’Italiano è colui che ti dice: ”io non ho votato”!
Giurano di avere optato per la scheda nulla quando vedono pericolo di una rivolta. L’hanno invalidata scrivendogli sopra frasi oscene, e ti spiegano anche quali, mentendo, arroganti, sapendo di essere delle merdacce “Fantozziane”.
L’Italiano è’ razzista perché l’extra comunitario che scappa dal paese in guerra e che perde moglie e figli annegati al largo è un povero “negro” ma Denzel Washington non è “negro” e tanto meno povero, perciò è una star.
L’Italiano è colui che “chi muore di fame gli sta bene, perchè così impara“, cosa deve imparare non si sa ma sta studiando.
L’Italiano è quello che “Hanno rapinato alle poste, speriamo abbiano portato via molto, per poco non conviene”.
L’Italiano è quello che morto Cossiga; considerato da moltissimi un essere spregevole, malato da un decennio e arrivato ad una età invidiabile , però “siamo rimasti scossi”, “non ce lo aspettavamo”, “se ne è andato l’ultimo gentiluomo“, e così siamo rimasti noi, meno male che ci siamo noi, oltre 60 milioni di teste di cazzo maleducati.
L’Italiano è colui che ascolta i politici come la Mussolini che in TV disse che Bocchino con un cognome così dovrebbe tacere, e lo dice una che con un cognome così dovrebbe quanto meno scappare in fretta dalla politica e dal paese e comunque girare alla larga da piazze e da “piazzali”.
L’italiano è “io lo sapevo” ” me lo immaginavo” “lo avevo sempre detto” “non si può andare avanti così” “non potrà durare a lungo” “ci penseranno i miei figli o i miei nipoti, io ho già un età” “dove andremo a finire”. L’italiano è “secondo me” “il mio parere” “dal mio punto di vista” “non me ne frega niente”. L’ialiano è “non c’è più niente di buono in tv” “ho comprato l’ultimo LCD della ceppa”. “Poveracci quelli della fiat, d’ora in poi comprerò solo macchine straniere”. “Hai sentito? Milioni di persone non riescono ad arrivare a fine mese, terribile, ma dove vai in vacanza quest’anno? Hai prenotato?” “Ci stanno massacrando, la benzina le bollette i mutui gli affitti e come se non bastasse se la prendono con i bambini se i loro genitori non pagano la retta, per fortuna mi aiutano i miei genitori”.

L’Italiano è la più grande, immensa, stratosferica TESTA DI CAZZO dell’intero pianeta, lo hanno capito i Tedeschi, i Francesi, gli Spagnoli, gli Americani ecc. perché si tratta di un popolo senza il minimo “attributo”. Un popolo che continua a dirsi sottovoce che la politica è morta e mentre lo dice si sta scavando la fossa per se stesso. Mi fido di più di Africano “conclamato” che di un Italiano che all’apparenza gode di ottima salute.

http://www.reset-italia.net/2011/08/09/l%E2%80%99uomo-del-%E2%80%9Cdove-andremo-a-finire%E2%80%9D/

Lascia un commento